PASTIERA NAPOLETANA

Difficoltà Difficile Preparazione 45 min. (più il riposo del grano) Cottura 1 h. e 15 min.
Venerdì Santo,  è iniziato il conto alla rovescia…. io e la mia famiglia (napoletani) da qualche anno festeggiamo la Pasqua con la famiglia di Antonella (romani). Direte voi: quali ricette avete scelto per festeggiare? a quali piatti avete rinunciato? a nessuno!  La tradizione napoletana si è sommata a quella romana: pastiera, casatiello, agnello, torta di pasqua, corallina, formaggi…. oggi quindi è praticamente d’obbligo proporre la versione della pastiera napoletana di mia madre.
Ingredienti:
per il ripieno:
500 gr ricotta (meglio di pecora)
300 gr grano
300 gr zucchero
5 uova
acqua di fiori d’arancio
vanillina
200 gr latte
burro
cannella
1/2 limone grattugiato
cedro candito
arancia candita
per la frolla:
400 gr farina
2 tuorli
1 uovo
200 gr burro
150 gr zucchero
1/2 limone grattugiato
Preparazione:
La prima operazione è cuocere il grano. La sera precedente alla realizzazione della pastiera, mettere in una pentola il grano, il latte, un cucchiaio di burro, 50 gr di zucchero, la punta di un cucchiaino di cannella, una bustina di vanillina e la buccia grattugiata di mezzo limone. Cuocere a fiamma bassa per una decina di minuti dopo il bollore. Quindi togliere dal fuoco e far freddare.
Preparare la pasta frolla, mettendo su un piano la farina, con al centro lo zucchero, i tuorli e le uova, ed amalgamarli senza toccare la farina. Aggiungere quindi il burro morbido, e la buccia grattugiata di mezzo limone e continuare a lavorare sempre senza toccare la farina. Incorporare quindi anche la farina per ottenere l’impasto. Far riposare 30 minuti in frigo.
Versare in una capiente ciotola la ricotta, 250 gr di zucchero, la vanillina ed un pizzico di sale, lavorare il tutto per ottenre un composto omogeneo, quindi aggiungere i tuorli uno alla volta ed il cedro e l’arancia candita, tagliati a pezzetti. Incorporare alla farcia il grano freddo e l’acqua di fiori di arancio. A parte montare a neve ben ferma i 5 albumi ed incorporarli, mescolando con molto delicatezza per evitare che possano smontarsi, al ripieno di ricotta e grano.
Prendere i 3/4 della pasta frolla e posizionarla nel tegame (che deve essere di alluminio, e non di latta perchè altrimenti la pastiera non cuocerebbe bene nella parte inferiore), versare il ripieno, tagliare a strisce l’ultima parte di pasta frolla e comporre una griglia quadrata o romboidale. Tagliare l’eccesso di pasta che si trova attorno al tegame ed infornare a 170° per un’ora circa.
Far raffreddare e se possibile mangiarla il giorno dopo, perchè con il riposo è più saporita.
Con questa ricetta partecipo al contest “Trasformiamo la ricotta” di Fiordirosmarino

10 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *